Due intense giornate di lavoro son servite per il completamento degli interventi di sistemazione del telescopio e restyling del laboratorio del Progetto E.E.E. del Liceo Scientifico “G. B. Scorza” di Cosenza.Una task force coordinata dal Dott. Marco Garbini, referente del Centro Fermi per la scuola cosentina, coadiuvato da Antonio Chiarini, tecnico dell’INFN di Bologna, dal prof. Franco Mollo referente locale del Liceo Scorza, insieme a molti studenti ha consentito la risoluzione definitiva di alcuni problemi tecnici che impedivano l’entrata in presa dati del telescopio.In particolare è stata sostituita una camera appositamente costruita al CERN da team di studenti di altre scuole partecipanti al Progetto EEE. La camera, dopo opportuni test di funzionalità effettuati al CERN, è stata trasportata direttamente a Cosenza il 21 Novembre ed installata il giorno successivo ed installata in sostituzione di una camera malfunzionante. 

Un sospiro di sollievo per l’attesa degli studenti e dei professori e adesso…Buon Lavoro!  

 

 

Two intense days of work were needed to complete the setup and restyling of the  E.E.E. Project telescope installed  in Liceo "G. B. Scorza ", Cosenza. A task force coordinated by Dr. Marco Garbini, Fermi Center responsible for the Liceo Scorza in Cosenza, with the help of Antonio Chiarini, INFN technician in Bologna,  prof. Franco Mollo who is a local representative of the school, and many students, allowed the definitive resolution of some technical problems that prevented the starting of data acquisition of the telescope. In particular one of the chambers of the telescope has been replaced with a new MRPC built at CERN by a team of students from other schools participating in the EEE Project. The MRPC, after functionality tests performed at CERN, was transported directly to Cosenza on the 21st of November and installed the following day. At the same time we have taken the opportunity to modify the location of the telescope inside the laboratory in order to make its management and control easier. Thanks to the help and determination of all people involved, it was possible to complete the operations within two days and the detector started to acquire data from November 24, thus officially entering the EEE Project RUN4. 

 

And now ... Have a good job!  

Nell’ambito del progetto EEE, il Liceo “Regina Margherita” di Salerno e il Liceo Scientifico Statale “P. P. Pasolini” di Potenza si sono incontrati per realizzare una giornata di studio, il cui programma ha previsto lezioni sulla fisica delle particelle e sui rivelatori e relazioni da parte degli studenti delle due scuole. Il gemellaggio tra i due istituti, nato dalla loro collaborazione durante le giornate di studio svoltesi ad Erice dal 29 al 31 Maggio 2017, si è svolto nell’istituto lucano, che ha ospitato per un giorno gli studenti della scuola salernitana. I partecipanti hanno potuto, tra l’altro, discutere del prossimo “International Cosmic Day” del 30 Novembre 2017, giornata in cui ricercatori, studenti e insegnanti discuteranno insieme della fisica dei raggi cosmici. I due istituti artefici di questo gemellaggio saranno ospiti del Dip. Di Fisica “E.R Caianiello” dell’Università degli Studi di Salerno, assieme al Liceo Scientifico “Da Procida” di Salerno e al Liceo Scientifico “P.S. Mancini” di Avellino. Il Liceo Regina Margherita ha già in programma di ricambiare l’ospitalità ricevuta, organizzando presto un’ulteriore giornata di studio.


Liceo “Regina Margherita” in Salerno and Liceo Scientifico Statale “P. P. Pasolini” in Potenza organized a workshop in the context of the EEE Project; the workshop lasted one day and its agenda included lessons about particle physics and detectors, with a final report from the students. The twinning of the two institutes was born during a workshop held in Erice from in May and pursued on the 24th of November in the school in Potenza. The participants had the possibility, among other items, to discuss the activity of the “International Cosmic Day” on the 30th of November, when researchers, students and teachers will discuss about the cosmic rays physics. For this occasion the two institutes will be hosted by Dip. Di Fisica “E.R Caianiello” dell’Università degli Studi di Salerno, together with Liceo Scientifico “Da Procida” in Salerno and Liceo Scientifico “P.S. Mancini” in Avellino. Liceo Regina Margherita will organized soon a new workshop in its intistute and reciprocate the hospitality.

Lunedì, 13 Novembre 2017 14:58

International Cosmic Day 2017

 

Become a Scientist for a Day
Discover the world of cosmic rays like an astroparticle physicist

Giovedì 30 Novembre 2017 si svolgerà la sesta edizione dell’International Cosmic Day: studenti da tutto il mondo parteciperanno ad attività inerenti alla Fisica dei raggi cosmici, interagendo con i ricercatori che svolgono la propria ricerca in questo campo. L’iniziativa è organizzata dal centro di ricerca Desy e ha visto in questi anni una partecipazione crescente di studenti provenienti da scuole di tutto il mondo. Quest’anno il Centro Fermi aderisce all’iniziativa, coinvolgendo centinaia di studenti aderenti al Progetto Extreme Energy Events. Durante l’International Cosmic Day gli studenti EEE si recheranno presso una delle 9 sedi italiane individuate per questa attività, presso cui verranno accolti dai ricercatori del Progetto. La giornata prevede inizialmente un collegamento tra tutti i partecipanti EEE durante il quale interverranno la prof.ssa Cifarelli, il prof. Zichichi e i ricercatori EEE; seguirà una seconda fase in cui i partecipanti analizzeranno i dati acquisiti con i telescopi EEE al fine di estrarre la distribuzione angolare dei raggi cosmici secondari. La giornata si concluderà con la discussione e la presentazione dei risultati, sia a livello nazionale che internazionale con le altre scuole partecipanti all’ICD (link al programma). Tramite questa iniziativa gli studenti potranno condividere la loro esperienza in EEE con studenti in altre parti del mondo , scambiandosi informazioni sul loro lavoro così come avviene regolarmente nell'ambito della ricerca scientifica. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dell’iniziativa https://icd.desy.de, dove è possibile visionare la mappa mondiale dei partecipanti alla sesta edizione dell’ICD (https://icd.desy.de/e25775) .

- Scarica il comunicato [download]

- Scarica il programma [download]

Una delegazione del Moscow Chemical Lyceum, una scuola di eccellenza di chimica e fisica per studenti di talento di Mosca, ha visitato giovedì 14 settembre il laboratorio Extreme Energy Events dell'istituto "Scipione Staffa" di Trinitapoli. La delegazione, composta da sei studenti, Andranik Zebelyan, Tatiana Kadykova, Daria Vysotskaia, Nikolay Nechaev, Egor Filatov, Iurii Pustovalov, e due docenti, Olga Starunova e Anna Dronzik, è stata accompagnata da Vladimir Peskov, rinomato esperto di fisica dei rivelatori di particelle, e dal responsabile del progetto EEE, Marcello Abbrescia.
La delegazione era in vista presso il Dipartimento di Fisica dell'Università di Bari, dove per una settimana ha visitato laboratori e svolto masterclasses analizzando dati raccolti dalla rete di telescopi EEE. A Trinitapoli, è stata ricevuta dal dirigente scolastico, Carmine Gissi, dal sindaco, Francesco di Feo, che ha fatto dono alla delegazione russa dello stemma della città, dal presidente dell'associazione Puglia-Russia, Giovanni Giuliano, nonché dai docenti responsabili del progetto EEE presso l'Istituto, Giacomo di Staso e Margherita Lafata, e dalla popolazione studentesca tutta.
L'incontro ha rappresentato il punto di inizio di uno scambio culturale e scientifico tra i due istituti, che prevedono di gemellarsi nel prossimo futuro, e di collaborare assieme invitando reciprocamente presso la propria sede studenti e docenti dell'altro istituto. Si è svolto in un clima festoso e cordiale, con le presentazioni delle scuole, scambi reciproci di doni, ed una parentesi canora in italiano e russo; un gruppo misto di studenti italiani e russi ha poi provveduto al monitoraggio giornaliero del telescopio EEE ospitato presso la scuola. Francesco Di Niso, studente dell'Istituto Staffa, nel dare il benvenuto agli ospiti ha detto: "Oggi con la vostra visita avete cambiato la nostra vita per sempre: la vostra amicizia ci ricorda che possiamo vivere in un mondo diverso, in cui ci può essere pace nel nome del progresso e della scienza". E' questo lo spirito del progetto EEE!

La notizia è apparsa anche sul sito del "Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma"

 ---

 A Russian delegation on visit to the EEE laboratory at Trinitapoli

A delegation from the Moscow Chemical Lyceum, a school for talented kids specialized in chemistry and physics in Moscow, visited Thursday 14 September le Extreme Energy Events laboratory located at the "Scipione Staffa" Institute in Trinitapoli. The delegation, composed by six students, Andranik Zebelyan, Tatiana Kadykova, Daria Vysotskaia, Nikolay Nechaev, Egor Filatov, Iurii Pustovalov and two teachers, Olga Starunova e Anna Dronzik, was accompanied by Vladimir Peskov, worldwide known expert in particle detectors, and by the EEE project responsible, Marcello Abbrescia.
The delegation was in visit to the Physics Department of the Bari University, where for a week they have been visiting the local laboratories and worked on masterclasses analyzing the data collected by the EEE telescopes network. At Trinitapoli, it was received by the school principal, Carmine Gissi, the major, Francesco di Feo, who gifted the Russian delegation of the city's coat of arms, by the local responsibles of the EEE project at the Institute, Giacomo di Staso and Margherita Lafata, and, of course, by the whole student population.
The meeting represented the starting point of a scientific and cultural exchange process between the two Institutes, which are going to twin in the near future, and to collaborate together by reciprocally inviting students and teachers from the other institute to their own site. It went on in a joyful and cordial atmosphere, with the schools presenting themselves, a reciprocal gifts exchange, and a nice parenthesis of Italian and Russian songs; then, a mixed Italian-Russian team of student took care of the daily monitoring of the EEE telescope located at the school. Francesco Di Niso, student from the Staffa Institute, while welcoming the guests, said: "Today with your visit you have changed our life forever: your brotherhood, your friendship remind us we could live in a different world in which in the name of science and progress it could be peace." This is the spirit of the EEE project!

The news is also reported on the website of the "Russian Center of Science and Culture in Rome"

Il 14 Giugno 2017 il Prof. A. Zichichi ha visitato il telescopio del Liceo "Cagnazzi" ad Altamura (BA).
Una giornata importante che ha rafforzato i legami tra il Liceo ed il Professore.

Scarica il poster dell'evento in Italiano

---

Prof. Zichichi in Altamura (BA).
The connection between the Liceo "Cagnazzi" of Altamura and prof. Antonino Zichichi is getting closer and closer.
June 14th, 2017

Download the poster in English

Il giorno 1° Aprile 2017, il Liceo Scientifico "A. Bafile" de L' Aquila ha accolto nella propria scuola 22 alunni del Liceo Scientifico "Galilei" di Lanciano i quali hanno potuto visitare il telescopio, vedere come si acquisiscono i dati e procedere alla compilazione del report.

Mercoledì, 07 Giugno 2017 16:28

L'esperimento EEE arriva a Mosca

[Scarica il resoconto in russo!!]

Dal 7 al 13 Maggio 2017 due gruppi di studenti accompagnati dai loro docenti si sono impegnati per una settimana nella costruzione delle camere di un nuovo telescopio dell’Osservatorio Extreme Energy Events. Fin qui nulla di strano, oltre all’inusuale assembramento di persone al lavoro nelle camere pulite al building 167 del CERN a Meyrin, dove si costruiscono i nuovi telescopi di EEE. Le cose cambiano però se gli studenti arrivano da due città che distano 2800 km l’una dall’altra, non si erano conosciuti prima e non pensavano di condividere quest’esperienza incredibile. I due Istituti coinvolti sono il Liceo Gobetti Segrè di Torino e il Liceo per Chimici di Mosca, ognuno rappresentato da 4 studenti e dai docenti Damiana Periotto e Fulvio Poglio per il gruppo italiano e da Katya Kostyurina e dal Professor Vladimir Peskov dell’Istituto di Fisica Chimica per gli studenti di Mosca.
Le parole più adatte per descrivere quest’esperienza al CERN sono certamente quelle degli studenti protagonisti di quest’avventura e del Professor Peskov, che si è impegnato in prima persona, oltre che nella costruzione delle camere, anche nel coinvolgimento degli studenti nelle misure di efficienza, trasformandole in lezioni di Fisica sul campo.
Ecco i ricordi degli studenti del Gobetti Segrè:
“...siamo stati incredibilmente fortunati ad aver avuto l’occasione di partecipare a questo Progetto. Avevamo seguito, insieme alla nostra classe, un percorso relativo alla fisica delle particelle, facendo rielaborazione dati e partecipando al Workshop di Fisica per le scuole di EEE che si tiene ogni anno a Torino.
L’esperienza al CERN, riguardante la costruzione di un rivelatore di particelle, ha concluso meravigliosamente il percorso rendendo le lezioni precedentemente seguite più comprensibili e concrete.
E’ stato estremamente interessante collaborare con un gruppo di ragazzi russi che partecipavano allo stesso progetto e che hanno costruito insieme a noi le camere del rivelatore. L’esperienza ci ha permesso di comprendere come la Scienza sia veramente un bellissimo esempio di collaborazione senza barriere culturali, dove tutti parlano la stessa lingua e si impegnano per gli stessi risultati e per il bene di tutti.
Vivere al Cern è stata una grande opportunità perché oltre all’esperienza in laboratorio, abbiamo avuto l’occasione di visitare diversi esperimenti come Alice e CMS, l’esposizione del microcosmo e dell’universo particellare nei quali abbiamo chiarito e ampliato le nostre conoscenze.
Ringraziamo i professori, Periotto Damiana e Fulvio Poglio e in particolare il Dr. Ivan Gnesi per averci accompagnato e seguito in questa esperienza.”
... e quelle del Professor Peskov:
“Il Progetto EEE mi ha sempre affascinato, sia per l’eccellente idea educativa sia per l’impatto scientifico di questa realtà ideata dal Professor A. Zichichi. Questi sono i motivi che mi hanno spinto a coinvolgere il Liceo per Fisici Chimici di Mosca fin dai primi periodi in cui ho iniziato ad insegnarvi corsi per le eccellenze. Grazie all’apertura dell’amministrazione del Liceo ho potuto immediatamente coinvolgere 15 studenti tra i 15 e i 16 anni che hanno espresso il desiderio di partecipare. Ho inizialmente preparato i ragazzi durante 11 lezioni di Astrofisica, Fisica delle Alte Energie e sulla tecnologia dei rivelatori, in particolare sulle applicazioni delle Resistive Plate Chambers (RPCs) per la misura del tempo ad alta precisione. Il 7 Maggio ci siamo recati al CERN con 4 studenti che si sono uniti ai loro compagni italiani per la costruzione delle camere del loro telescopio. Pur non essendo ufficialmente membri della collaborazione EEE siamo stati calorosamente accolti dal gruppo di ricercatori che guidano gli studenti nella costruzione. L’atmosfera era perfetta: abbiamo lavorato insieme ai docenti ed agli studenti italiani, pazientemente guidati dagli esperti della tecnologia RPCs. E’ stato molto divertente per i ragazzi costruire una RPC ad alte prestazioni temporali facendo esperienza di un vero lavoro sperimentale di squadra. Al termine della costruzione Ivan Gnesi ha fatto partecipare gli studenti ad alcune misure di test delle camere prima della loro spedizione sul sito di installazione. Poi, insieme a Despina Hatzifotiadou e Roman Zuyeusky, ha introdotto i ragazzi al sistema di acquisizione, ricostruzione e analisi dati, citando alcuni risultati scientifici ottenuti.
Ora il nostro sogno è entrare a far parte di EEE.”

---

[download the report in Russian!!]

Science brings together

During the week of May 7-13 two groups of student and their teachers were involved at CERN in the construction of MRPCs chambers foe a new EEE telescope. Nothing special, expect for the unusual number of students working together in the clean chamber of the EEE laboratory at building 167. If no one mentions the  students come from cities 2800 km apart, Moscow and Turin, neither they met before nor they thought to share such an experience. The schools are the Gobetti Segrè Lyceum in Turin and the Lyceum for Chemical Physics in Moscow, with two groups of 4 students and their teachers Damiana Periotto and Fulvio Poglio for italians and Katya Kostyurina and Professor Vladimir Peskov of the Moscow Chemical Physics Institute accompaining russians.

The best description of this experience at CERN certainly comes from the students taking part to the adventure and from Professor Peskov impressions. He was the first taking part into the chamber construction and involving students in efficiency measurements, making the experience a real fieldwork lecture.

Here the words of italian students:

 “We think we’re really lucky for being selected as the group taking part to the EEE Project in our school. The whole path has been intense since we started following lectures on particle physics and detectors, then participating to a Workshop in Physics in Turin organized for the EEE schools, and finally going to CERN for the real chambers construction. This experience brought to reality that we always heard about without really understanding.

Thanks to the continuous contact and exchange now we have a much more real idea about what a physicist is, out of the common perception everyone has.

During the week we also worked together with a group of students coming from Moscow, with whom we built the chambers and shared time and ideas. This experience was really the most effective in showing how Science is one of the best way for collaboration among nations for the common wellbeing, a place where prejudice and differences do not exist.

The CERN stay has also been a chance for visiting big experiments as ALICE and CMS and the expositions, finding additional hints for the comprehension of Physics and of the World around us.

We are really thankful to our teachers Damiana Periotto and Fulvio Poglio, and especially to Dr. Ivan Gnesi, for bringing us through this incredible experience.”

…. and Professor Peskov’s

I was always fascinated by the EEE project. This was an excellent scientific and educative idea of Prof A. Zichichi, implemented in practice by his team.
This is why, when I start teaching at the Moscow Lyceum for talent kids, I made a lot of efforts to introduce my students to the EEE project. Fortunately, it turned out that the Lyceum administration is very open to new ideas and opportunities. Around 15 students (15-16 years old) expressed an interest to participate to this project. I delivered them 11 lectures on Astrophysics, High-energy physics and detectors with emphasis on timing RPCs.

On May 7 this year four our students and one physics teacher came to CERN to join Italian students, constructing RPC for their school. Although we are not yet an official member of the project, we were warmly welcome by the EEE RPC training team. The atmosphere was fantastic: we worked together and enthusiastically with Italian high school students and teachers and were patiently guided by the EEE RPC experts. It was a great fun for students to assemble timing RPCs and to feel the atmosphere of a team experimental work. At the end, Ivan Gnesi allowed us to participate in some basic teats of earlie assembled RPCs ready for shipping to Italy. Then, he, Despina Hatzifotiadou and Roman Zuyeuski gave us a lot of explanations how the data acquisition works, how the  data are analyses and what results were already obtained.

Our dream now is to officially enter the EEE project.“

 

Mercoledì, 07 Giugno 2017 16:21

Il progetto EEE alla Giornata dell'Arte

Come ogni anno l’Istituto Staffa di Trinitapoli indice la Giornata dell’Arte, in cui oltre alle svariate forme d’arte presenti, vi è un’esposizione interamente dedicata al progetto EEE.

Quest'anno la parte più significativa era costituita dalla sagoma della regione Puglia, con, indicati, i sei telescopi attualmente in funzione.

Si può notare, inoltre, la riproduzione del
raggio cosmico primario costituito da un protone, che a seguito della collisione con l’atmosfera, produce uno sciame secondario che interessa il telescopio di Trinitapoli, quello di Bari e quello di Altamura.

I raggi in rosso rappresentano particelle e sono funzionali per comprendere cosa sia una coincidenza tra i diversi telescopi della zona.

---

The EEE project at the "Day of the Art"

Every year the Staffa Institute at Trinitapoli organizes the "Day of the Art" when, in addition to various art works presented, an exposition completely devoted to the EEE project is on display. This year, the most significant part was the profile of the Apulia region, with the six telescopes currently taking data put in evidence. An artist view of a primary cosmic ray, namely a proton was also shown, which, undergoing a collision in the atmosphere, produces an extensive air shower impinging on the three EEE telescopes located at Trinitapoli, Bari and Altamura. The iron wires represent some particles, exemplifying a shower producing events in coincidence in the three telescopes.

Dal 24 al 28 aprile 2017 il Liceo Scientifico di Cariati (CS) ha realizzato il proprio sogno scientifico: la costruzione delle camere MRPC del telescopio per raggi cosmici del progetto EEE. La delegazione di alunni scelti dalla scuola è stata costituita da quattro ragazzi delle classi terze: Affatato Giovanni, Gennaro Salatino, Daria Adamciuc e Josephin Maria Lio accompagnati dal prof. Domenico Liguori. Questo tipo di stage rappresenta una esperienza formativa completa sia per le competenze e le abilità che si acquisiscono in laboratorio sia per la possibilità di comunicazione in lingua inglese resa obbligatoria dalla internazionalità del team di lavoro del CERN. Tutte le fasi di lavoro sono state ampiamente documentate con foto e video e rese disponibili sulla pagina facebook “EEE liceo scientifico cariati”. Nonostante i ritmi serrati per il lavoro nei laboratori, non mancano i momenti di scambi di esperienze personali con tutti i componenti del team e le visite ad altre strutture ed esperimenti del CERN come il microcosmo, il globo e la visita agli esperimenti come la fantastica discesa nella caverna di Alice. La realizzazione di questo rivelatore non è un punto di arrivo, ma bensì di partenza. Dal momento in cui sarà montato in sede, infatti, dovrà essere monitorato e fatto funzionare 24 ore al giorno per tutti i giorni per cui tutti gli alunni interessati potranno partecipare attivamente organizzando delle vere e proprie squadre di lavoro. In questo percorso, gli studenti del “Patrizi” di Cariati sono stati e saranno costantemente seguiti dai responsabili del Centro Fermi di Roma, dai ricercatori del CERN, dell’INFN e del dipartimento di fisica dell’UNICAL con i quali dovranno interagire costantemente insieme a tutti gli altri studenti e docenti delle altre scuole coinvolte. Per questa bellissima esperienza che rimarrà indelebile nel bagaglio emotivo, dei ricordi e delle esperienze professionali si ringrazia il Prof. Zichichi che ha ideato questa formula di mixing didatticamente vincente tra il mondo della ricerca e quello della scuola, il presidente ed il direttore del centro Fermi, proff. Cifarelli e Nania, il coordinatore nazionale del progetto EEE prof. Abbrescia, il nostro tutor prof. Schioppa e tutto il team di lavoro che ha guidato gli studenti nei laboratori del CERN (Despina, Roman, Ivan, Susanna, Francesca, Zheng ed Osnan).

---

From April 24th to 28th/2017 the Liceo Scientifico has realized his scientific dream: building MRPC chambers for the cosmic rays telescope from the EEE project. The students delegation chosen by the school is constituted by 4 guys from the 3th classes: Affatato Giovanni, Salatino Gennaro, Adamciuc Daria and Lio Maria Josephin accompanied by the professor Domenico Liguori. This type of stage represents a complete educational experience. Both for the skills and abilities that are acquired in the laboratory and the ability to communicate in english language made compulsory by the internationality of the CERN work team.All the work steps have been widely documented with videos and pictures and made avaible on the facebook page “EEE liceo scientifico cariati”. Despite the tight rhythms because of the work in the laboratories, during the procedure there are also moments of personal experience exchanges with all the team members and the visits to other experiments like the amazing drop in the Alice cave. The realization of this detector is not a point of arrival, but of start. From the moment it will be assembled in the venue it will be monitored and let running 24h per a day on all days so all the interested students will be able to participate actively organizing real work teams. In this project the students from Cariati high school “Patrizi” are and will be constantly followed by the leaders from the Roma Centro Fermi, and by the CERN researches, from the INFN and from the UNICAL physics department with which we will constantly interact together with other students and teachers of the involved schools. For this beautiful experience that will remain indelible in the emotional baggage of the memories and of the professional experiences thanks to prof. Zichichi who designed this mixing formula didactically winning between the research world and the school world, the Centro Fermi president and director prof. Cifarelli, and Nania, the national coordinator of the EEE project, Abbrescia, our tutor, and prof. Schioppa and also all the work team that has guided the students in the CERN laboratories (Despina, Roman, Ivan, Susanna, Francesca, Zheng ed Osnan).

Pagina 3 di 5